Archivi tag: Spaccio

Le mani sul porto: Camorre 2.0 possibili?

Comincia in questi giorni la prima fase processuale vera e propria scaturita dal blitz contro il presunto nuovo corso del clan Capriati, quello affidato al nipote dello storico fondatore Antonio, padrino e fondatore della Camorra barese assieme ad altri cinque boss del calibro di Savino Parisi, Antonio di Cosola, Francesco Biancoli, Donato Laraspata e Giuseppe Mercante. Volti e nomi noti.

E’ un processo importante quello che si apre, in fase ancora preliminare, s’intende. E’ importante perchè mira a scardinare – per l’ennesima volta – la fenice di uno dei clan più antichi della città, risorta grazie alla intramontabile capacità intimidatoria che il cognome ed il brand di famiglia si portano dietro. Ma anche grazie alle intuizioni che gli ordini di arresto e le architetture di accusa dei pm attribuiscono a Filippo Capriati, identificato da magistrati e inquirenti come nuovo vertice del clan. Sarebbe proprio da una sua intuizione che il gruppo criminale, senza abbandonare il traffico storico di stupefacenti nella città vecchia e le estorsioni nei mercati generali di alcuni quartieri popolari come Carrassi, avrebbe alzato il tiro mirando a traffici e filiere inedite, ma molto più interessanti e pericolose.

L’operazione che ha portato questo nuovo corso in carcere, all’inizio dell’estate, partiva dal presupposto indispensabile di mettere in condizione di non nuocere la batteria guidata da Filippo Capriati, soprattutto in relazione ad un nuovo business individuato: quello del controllo delle assunzioni in una cooperativa che sovrintendeva a servizi ausiliari all’interno dell’area portuale di Bari. Nei fatti, volando più basso, secondo i PM i Capriati, forti del proprio nome e del potere d’intimidazione dello stesso, avrebbero pilotato l’assunzione di guardiani ed addetti alla facilitazione del traffico auto, imponendoli alla ditta che ne aveva l’appalto. porto bari-2Il timore, per i magistrati, è che questo, oltre ad inquinare profondamente un settore economico importante per una città come Bari, che movimenta tra merci e persone numeri incredibili ogni giorno, potesse anche determinare una falla sensibile all’interno del sistema di sicurezza nazionale. Non è difficile immaginare cosa possa significare, per un porto che è uno dei primi e più appetibili approdi dall’est (europa e medio oriente), vedere un settore come quello del controllo e facilitazione del traffico controllati, seppure per parte, da una organizzazione criminale. Vantaggi inenarrabili per chi controlla, quelli garantiti da una serie di elementi fidati inseriti in un nodo sensibile come quello. Allo stesso tempo, però, rischi per tutti: perchè è evidente che il rischio che i pm di sicuro non ignorano è che quel gap nella affidabilità del sistema di sicurezza, se radicato e strutturato nel tempo, in futuro avrebbe potuto portare altri rischi parecchio più inquietanti. Inutile evidenziarne solo alcuni, sono innumerevoli, in tempi come questi di lotta internazionale al terrorismo. Soprattutto in un momento delicato come quello della diaspora dello sconfitto Stato Islamico.

Schermata-2018-04-21-alle-08.12.26.png

Il processo va seguito, senza ombra di dubbio. E bisogna seguirlo attentamente. Perchè è la prima volta che un clan aggredisce in modo sistematico una porta d’accesso nazionale. E perchè è l’occasione per guardare a come, sul campo, dopo dieci anni dalla sentenza Borgo Antico che disarticolò la prima e la seconda versione di uno dei clan fondatori della Camorra Barese, quel gruppo criminale non solo si sia rimesso in gioco ed in discussione, ma sia anche stato capace di trovare altre strade ed altre forme di controllo, con un upgrade evidente delle proprie competenze e della propria pericolosità.

 

Annunci

La paura si nebulizza.

Ancora quartiere Libertà: lo abbiamo spiegato ieri il perché.

Abbiamo provato a chiederci se la categoria di “liquidità” come stato della paura possa ancora essere considerata calzante ed attuale per la nostra città. E abbiamo dovuto convenire che di sicuro è stata adeguata, come definizione, almeno fino a qualche anno fa. Dobbiamo rivedere questa certezza. Alla luce di alcuni fatti importanti che vanno segnalati. Perché alcuni anni sono bastati, davvero. E le cose sono drasticamente cambiate.

Guardiamo alla criminalità organizzata, innanzitutto. Del resto è la vera emergenza del quartiere. Almeno, una delle tre che abbiamo scelto come vetrino di confronto.
La criminalità è molto cambiata. Negli ultimi cinque anni più che mai. Libertà resta la centrale operativa della Federazione. Eppure, la scopriamo luogo conteso, tra Strisciuglio (in qualsiasi delle loro denominazioni presenti nel quartiere) e gruppo storico dei Mercante. Homini novi contro vecchi senatori della Camorra barese, vecchi padri fondatori. Ed infatti, negli ultimi sei anni, il Libertà ha convissuto con uno stato di guerra permanente – e neppure troppo a bassa intensità – per il predominio criminale sul territorio. Nulla di nuovo, rispetto a quello che dicevamo ieri? Non proprio. Perché le guerre hanno sempre un vincente ed un perdente. E perché la storia, quella da tramandare in alcuni contesti, solitamente è quella che scrive chi ha vinto. E se un vincente può essere identificato, negli ultimi cinque anni, al Libertà, beh questo è il blocco che fa capo alla Federazione Strisciuglio. Perché è quello che si è imposto militarmente sull’altro. E perché, per alterne vicende processuali, attualmente è quello che ne è uscito meno malconcio, dalla guerra in Aula con la Giustizia. E se è vero che sono i vincenti a scrivere una Storia, proponendo ed imponendo i propri modelli, allora è anche vero che le generazioni nuove di malavita, i millenials della Camorra, al Libertà hanno già pronto un imprinting che disconosce da subito i modelli storici della criminalità barese, quelli granitici e solidi. E ne sposa di nuovi, più liquidi. Al contempo, però, innovandoli. Non dimentichiamocelo: i millenials della camorra, oggi, hanno già passato un apprendistato almeno, al Libertà. Ed assistito già a due guerre. Hanno modelli che spesso non hanno neppure il doppio dei loro anni. Con questi modelli sviluppano una continuità di pensiero, relazioni, emotività, strumenti, molto più forte di quella che svilupperebbero con un “vecchio” di camorra. Cosa ancora più grave e preoccupante, dettaglio che ci fa capire come anche la liquidità sia inadeguata, applicano le lezioni e le perfezionano, le aggiornano.

I-funerali-di-MesutiE’ di qualche giorno fa la notizia della diffusione di un nuovo, pericolosissimo passatempo tra i giovanissimi di Camorra: la sfida a colpi di sgasate, a cavallo di moto rombanti, per le strade del quartiere. A margine, un giro di scommesse clandestine. Attorno un sistema rodato per garantire che queste attività si svolgano senza che nessuno disturbi. Cos’è questa, che ormai è tradizione ed abitudine consolidata, se non una forma ancora più gassosa di controllo del territorio? Pochi anni fa, un fatto aveva sconvolto la comunità: un cittadino albanese, Florian Mesuti, in visita a Bari a degli amici, solo perché intervenuto in difesa di un ragazzino che conosceva, aggredito durante una rissa di strada, era stato letteralmente giustiziato. Per la strada, tra la gente. Colpevole, col suo intervento, di aver messo in discussione l’autorità criminale di un gruppo di ragazzini – secondo la Procura capeggiati da uno dei figli del boss Caldarola. Ed infatti, a processo per quell’omicidio, il fratello maggiore di quel ragazzino sarà riconosciuto colpevole di omicidio e si prenderà 14 anni; il primogenito di Lorenzo Caldarola. Quell’omicidio, l’esecuzione di un uomo estraneo alle logiche ed alle strutture della malavita, giustiziato solo perché aveva messo in discussione una autorità differentemente costituita, era già da solo la testimonianza di quanto ormai la malavita non fosse più un blocco granitico, fermo in un punto, lontano dal quale si può vivere tranquilli. No, la malavita, al Libertà, con quell’omicidio barbaro, testimoniava come potesse raggiungere altri luoghi, altri contesti, normalmente estranei ad un mondo. Normalmente al sicuro. Passare sotto le porte, incunearsi, proprio come fanno i liquidi. Le corse in moto come strumento criminale di appropriazione di un luogo sono un passo ulteriore. Perché eliminano anche le ragioni di un contatto. Florian Mesuti era morto perché la “camorra” ormai invadeva gli spazi di un vivere civile, inquinava i rapporti tra pari, modificava le linee gerarchiche… e però, Florian Mesuti, con quello schiaffo dato ad un ragazzino di camorra in difesa di un ragazzino estraneo a quel mondo, aveva scelto di entrare in contatto con un mondo. Aveva messo il piede nella pozza della Camorra. Inconsapevolmente aveva scelto di confrontarsi con un mondo che aveva delle regole. I motorini che rombano, le ronde che chiudono le strade, i centauri che se ne fregano se qualcuno attraversa… quelli già da soli valgono a dire che la scelta è solo tra “vivere” un luogo dove la Camorra, quel che deve far Paura, è nell’aria. Oppure non viverlo, perché si smette di respirare. Ecco perché, forse, a guardare il Libertà, viene da chiedersi se la paura, lì, abbia più un senso immaginarsela liquida.

1f52b6e0-70ef-11e5-ab4e-f326bdb84cacE di esempi potremmo farne tanti. I giovanissimi spacciatori che intercettano i giovanissimi coetanei “perbene” ed attraverso la cessione dello stupefacente, progressivamente, offrono ai compratori una affiliazione liquida che permetta loro – ai ragazzini dei clan – di raggiungere luoghi fino ad allora preclusi, come i licei o le secondarie superiori? Guardate bene e considerate che stiamo parlando di percezione, non di forma. Come percepireste la cosa se foste il genitore di quel ragazzino usato come cavallo di troia? La scelta di un contatto può farci apparire la situazione ancora accettabile, ancora liquida. Ma chiedetevi, davvero, se l’attuale depenalizzazione, nel sentire comune, dell’uso di “erba e fumo” tra i giovani, possa farci avvertire quel contatto come la scelta di un “nuovo gioco” cui giocare. A quei ragazzini i millenials della Camorra del Libertà non propongono una rapina, attenzione. Propongono una “fumata”. E se tutti, diffusamente, smettiamo di ritenere il rapporto tra spacciatore ed acquirente SEMPRE un comportamento criminale, allora in quel contatto non siamo più capaci di percepire il “piede nella pozza”. E quel contatto diventa gassoso. E proprio per questo, spaventa di più.

Fermiamoci qui. Ancora, ai soliti tre indizi che fanno una prova. Credo, però, ci siano delle valide ragioni, abbastanza evidenti, per affermare che ormai la paura, in alcuni luoghi e contesti, ha fatto un preoccupante salto di stato.

Adriatic connection

L’operazione antimafia che ha sgominato il gruppo criminale riconducibile a Domenico Velluto, tra giovedì e venerdì, svela retroscena molto interessanti su questioni nodali per la malavita organizzata. Perchè disarticola un sodalizio molto particolare. Specializzato. Così profondamente specializzato da costringerci a porci una domanda: “Una associazione a delinquere che non assedia direttamente il territorio con le piazze di spaccio e l’imposizione delle decime del pizzo, ma si limita al ruolo di trafficante di stupefacenti, spesso limitandosi a porre in comunicazione logistica domanda ed offerta, quanto può ritenersi estranea – giuridicamente parlando – alla galassia camorristica della città?”

whatsapp_image_2018_10_04_at_112530jPerchè è questo che viene da pensare, nel ricostruire la parabola dei Velluto, a Bari.
Un clan ristretto, limitato a pochi fidatissimi sodali, installato in un territorio molto ben preciso e da sempre battezzato come impermeabile o quanto meno a scarsissima permeabilità mafiosa. Scarsi, quasi nulli, i momenti di frizione e scontro del gruppo, che vanta una saldatura apparentemente tradizionale coi vecchi sodalizi della Camorra Barese. Attività ben definite, circoscritte agli affari che maturano nel grande traffico di stupefacenti tra le sponde dell’Adriatico, con contatti accertati con una serie di altri gruppi esterni al panorama cittadino (SCU salentina su tutti) ma sempre e solo finalizzati alla interposizione in affari nel traffico di marijuana.
Gli uomini di Velluto sono trafficanti di droga. Questo li tiene distanti dall’accusa di associazione di stampo mafioso? Lo diranno i giudici.
Sociologicamente, a leggere il tutto in una chiave meramente accademica, obiettivamente dobbiamo dire no. Non possiamo tenerli fuori dall’universo camorristico. Dobbiamo considerarli a tutti gli effetti un clan. Per un semplice motivo: sono un ingranaggio perfettamente combinato all’interno della catena che dalle regioni attorno ad Argirocastro fa arrivare nelle piazze di Bari la marijuana che i clan vendono per controllare il territorio e ridistribuire all’interno dei propri gruppi stipendi e servizi.

A leggere le ordinanze e le ricostruzioni a margine, questo sarebbero, gli uomini del gruppo smantellato tra Poggiofranco e Carrassi. Anzi, a dirla tutta, sarebbero uno dei pochi gruppi baresi ancora in grado di trattare direttamente coi fornitori senza bisogno di alcuna intermediazione tra la propria domanda e l’offerta dei cartelli albanesi. Questo, è un dato di estrema importanza, di fronte a cartelli camorristici baresi sempre meno dotati dell’autorevolezza criminale per “fare i prezzi”.

3e1b1c_02_HomeIm_799x400.jpgEcco, quindi, che ci si palesa sotto gli occhi una precisa realtà che non possiamo ignorare. La galassia che chiamiamo Camorra Barese e che ancora qualcuno si ostina a liquidare in residuo provinciale della SCU, è in realtà un magma assolutamente peculiare ed indipendente. Così storicamente radicato e negli anni così perfettamente professionalizzato da avere, al suo interno, anche strutture che più che “fare direttamente malavita” concorrono, attraverso traffici criminali, al successo di altre strutture. Apparentemente senza sporcarsi le mani. Apparentemente, senza controllare criminalmente un territorio. Semplicemente perchè hanno scelto di inserirsi in quel mondo ed in quel mercato con un ruolo diverso. Ed insiste proprio su questo uno dei passaggi dell’ordinanza. Anche di fronte a guerre e controversie interne alla Camorra Barese, il gruppo dei Velluto – il condizionale però è d’obbligo – non avrebbe esitato a trattare a condizioni analoghe con gruppi in contrasto, scegliendo strategicamente di non favorire alcuno dei sodalizi. Feticismi di poco conto? Nient’affatto. Da aggiungere, dettaglio non di poco conto, che rispetto ai propri traffici storici il clan si è sempre dimostrato molto deciso a non perdere terreno. E non farsi passare mosche sotto il naso. E’ dello scorso anno la sentenza in abbreviato di primo grado che condanna Velluto a 20 anni di reclusione per un omicidio – quello di Rocco Sciannimanico – avvenuto per un debito di droga non pagato.

Questi, letti organicamente, in modo scientifico, tutti assieme, sono la dimostrazione che esiste una struttura ormai autonoma ed indipendente dalle vecchie mafie. Anzi, in grado di essere protagonista sui palcoscenici internazionali e di trattare da pari con i grandi gruppi del crimine transnazionale. Esiste una Camorra, a Bari, che non ha nulla da invidiare a nessuno. Anzi, che in modernità, può davvero dare più di una lezione in giro per l’Italia. E sarebbe davvero bene che chi ha il dovere di interrogarsi su come difenderci, chi ha il dovere di formarsi su come contrastare al meglio le minacce al nostro corpo sociale, se ne faccia quanto prima una ragione. E cominci a studiare davvero.

Madonnella: una cerniera particolare

Esistono luoghi di una città che sono particolari per il loro essere incredibilmente indecifrabili. A Bari, soprattutto dal punto di vista dell’analisi criminale, sono due i luoghi che appaiono, all’occhio dell’osservatore attento, due veri e propri rompicapi. San Pasquale e Madonnella. Due quartieri dichiaratamente residenziali senza apparenti e particolari criticità. Due quartieri a prima vista ben miscelati, con pezzi popolari che si agganciano ad isolati di edilizia a mercato libero. Due rioni dotati di negozi e servizi, collegati al resto della città e ad essa in realtà contigui. Anzi, nel caso di Madonnella, direttamente agganciati al salotto buono del centro. Due quartieri nei quali, a leggere le vicende della Camorra barese come strettamente connesse ai luoghi e ai mutamenti di questa città, non dovrebbero esserci particolari emergenze legate alla criminalità organizzata. Invece no!

Di San Pasquale di certo ci sarà modo e tempo di parlare. La cronaca delle ultime due o tre settimane, invece, ci impone una riflessione sul quartiere Madonnella. Perché proprio tra le vie di quel quartiere a fine settembre si è tornato a sparare. E non capitava da tempo. Certo, sempre nei pressi del quadrilatero popolare stretto tra Via Dalmazia ed il Lungomare, quindi in una zona del quartiere che si può definire “particolare”… ma si è comunque sparato per strada, tra la gente. Peraltro con una determinazione che non sembrerebbe giustificata, a guardare la vittima dell’agguato: un piccolo criminale con risibili precedenti collegati al mondo che fa dello spaccio minuto la propria forma di sopravvivenza.

A guardarla bene, invece, la vicenda, tutto drammaticamente torna. E si ritrovano chiari anche gli indizi sul perché Madonnella, un quartiere così diverso dai ghetti cui Bari ci ha abituato, sia un quartiere da tenere in considerazione.

1537303077477.jpg--.jpgCriminalmente Madonnella esprime una propria batteria di camorra autoctona, quella dei Rafaschieri-Di Cosimo. Dallo scorso anno, però, è anche diventata l’esilio dorato del gruppo collegato a Busco, l’emergente un tempo organico al gruppo di Parisi e Palermiti che all’inizio del 2017 scatenò a Japigia una guerra sanguinaria per ritagliare uno spazio di autonomia nel controllo del traffico di stupefacenti. Allo stesso tempo, soprattutto nella zona più contigua al centro cittadino vero e proprio, il quartiere si caratterizza per una offerta notturna improntata alla movida di alto livello. E – lo abbiamo visto – si tratta di una offerta sempre molto ben considerata dalle cosche perché, disciolta tra la clientela dei locali, si annida una fetta interessante di acquirenti di marijuana e hashish. Va da sé che un luogo così, peraltro cerniera perfetta tra un quartiere problematico come Japigia e una Mecca come il centro, facilmente possa diventare terreno di scontro. O presunta zona franca in cui a qualche cane sciolto possa venire l’infelice idea di addentrarsi. E poi, una variabile importante, nella zona frontaliera al lungomare, proprio a due passi da quel quadrilatero popolare territorio della cosca, ci sono piazzette e giardini che storicamente, da anni, sono punto di ritrovo neutrale dove la malavita cittadina si incontra, si riunisce, discute, approfittando della tradizione tutta barese del passeggio e della sosta sul Lungomare. Un luogo, quindi, in cui è facile anche che per sciocchezze si finisca per venire a contatto. C’è un altro dato importante da considerare quando si parla di Madonnella: la sua caratterizzazione progressivamente spostata verso un quartiere di meticciato. Perché anche in questa parte di città, molto meno che a Libertà ma decisamente più che altrove, lentamente si stanno installando piccole comunità di immigrati. Soprattutto nelle zone più povere del quartiere. E  seppur quelli del Madonnella sono quelli “che se la passano meglio” tanto da potersi permettere una contrattazione in un luogo decisamente più costoso rispetto al Libertà, è pur vero che anche in quel quartiere la marginalizzazione – qui soprattutto economica – si fa sentire per le comunità immigrate. Ed è provata, anche se davvero minima, la presenza di riferimenti di spaccio minuto anche tra i migranti.

nazioni-1068x543.jpgBisogna quindi prestare molta attenzione al quartiere Madonnella. Vero: non esprime particolari criticità, come quelle che detonano altrove in città. Ma è un luogo molto densamente abitato. Peraltro da una classe media barese che ha sempre sperimentato una esistenza sostanzialmente tranquilla ed al riparo dalla paura della Camorra. Ed è proprio questa classe di cittadini, ora, la più sensibile ad eventuali recrudescenze. In un quartiere dove in questi anni una comunità migrante si sta installando, l’idea che possa essere quest’ultima la causa del problema va decisamente tenuta a distanza. E nello stesso momento è importante che si faccia vigilanza attiva tra quelle strade. Perché, per molti che altrove si sono fatti le ossa, l’idea che lì ci sia un gruppo debole, incapace di resistere, può ispirare propositi molto pericolosi. Ricordiamolo, e ricordiamolo per bene: potenzialmente, soprattutto a ridosso del centro, il mercato dello spaccio rappresenta una ghiottissima opportunità che presto sarà contesa in modo molto animato.

Qualche riflessione sulla manifestazione antifascista di ieri. Più che altro un appello…

Lo dico con profonda serenità. Ieri al presidio antifascista ci sono stato perchè era ed è imperativo esserci, a difesa dell’agibilità democratica. Sempre. Ma sono tornato a casa deluso. Molto.
Perchè, tranne che per alcune parole di Claudio Riccio e per l’intervento di Annalinda Lupis – che però il palco se lo è dovuto conquistare visto che gli organizzatori le avevano negato la possibilità di parlare – credo nessuno abbia voluto davvero guardare, negli interventi rigorosamente controllati dal palco, alle reali emergenze di questa città. Che si chiamano ghettizzazione, esclusione sociale, camorra. Ed a Bari, nei quartieri marginalizzati, dove i partiti ieri in piazza non sono più in grado di elaborare risposte ai problemi concreti, evidentemente non basta più nemmeno la cronaca nera per spiegare quanto urgenti siano le riflessioni su dove pezzi interi della nostra comunità si stanno muovendo.
42490476_272535053468635_7047119181782712320_nA Bari si spara e si ammazza. A Bari le comunità migranti faticano ad integrarsi completamente perchè vengono tenute ai margini anche da chi offre loro tuguri a nero come fossero casa – al Libertà più che mai, ma il PD che amministra ha bisogno che a farglielo sapere siano i vigili urbani, perchè nel quartiere non c’è più una sua presenza, attività politica, vigilanza. A Bari, in queste ore, si spara per conquistare il controllo sulle zone della movida della “Bari bene”, dove lo spaccio è una occasione irrinunciabile di cassa e controllo del territorio. Si spara e si ammazza tra la gente. Mentre ieri si parlava di fascismi, di chiusura dei covi. Senza un minimo di visione a lungo termine che impone anche la riflessione del “E dopo?” Nessuno che provasse a suggerire che forse, con pratiche di politica reale e quotidiana, incontro alle esigenze di ricucitura di quelle comunità ai margini, forse il “covo fascista” chiude da solo per impraticabilità del campo. E chi vive il quartiere torna a riconoscere a sinistra degli interlocutori credibili, validi, da ascoltare non solo quando ti parlano dei problemi quotidiani, ma anche quando provano a spiegarti quanto fascista ed inutile sia il decreto Sicurezza. Quanto pericoloso sia un Ministro degli Interni che non nomina la mafia quando parla del quartiere Libertà.
A Bari c’è un ritorno del fascismo? Forse. Un riaffacciarsi, magari. Ma è conseguenza dell’abbandono di determinati campi da parte della sinistra. Casapound, oggi, a Bari, corre ad occupare spazi colpevolmente lasciati vuoti da chi ha chiuso le sezioni di partito ed ha aperto i comitati elettorali – alcuni a due passi dalla casa dei boss, come in via Petrelli 17, a Bari, dove ci stava Realtà Italia, alleata del PD e concorrente alle primarie. Nessuno, però, che ieri si sia azzardato a ricordarlo, come mea culpa, che il Libertà è stato abbandonato. Ed in piazza, ieri, c’ho visto facce che in via Trevisani, dove stava la Federazione del PCI, mi è stato dato di vedere mille e mille volte, da piccolino, quando per non staccarmi da mio padre lo seguivo anche lì. Al Libertà ci stava la Federazione di Rifondazione Comunista. Lì i Comitati Politici Federali li ho frequentati come rappresentante del circolo di Giovinazzo. Ma in quel quartiere c’era Rifondazione come c’era stato il PCI. E quel quartiere ci riconosceva come interlocutori. Di quella vecchia pratica del territorio come luogo di confronto e creazione del consenso non si ricorda più nessuno? Eh no! Ieri no. Eppure, l’antifascismo è anche questo. Soprattutto questo. O vogliamo derubricare tutto e solo ad una questione da caserme e questure? O qualcuno ha forse la tentazione di risolvere tutto ad un fatto da Via Pal, Hazet36 e catene? Se l’antifascismo va praticato, è con la presenza, col corpo, coi contenuti. Nei luoghi del conflitto che oggi sono sempre di più quartieri marginali di questa città. Ecco: nessuno ne ha parlato.
A Bari c’è una grande occasione: quella di ricucire la città. E farlo, in attesa dei piani urban e dei quattrini scippati da Salvini, prima di tutto con la politica e la riattivazione reale, concreta, delle energie democratiche sul territorio. Farlo dal basso. Ma questa occasione passa dalla scelta di un campo più ampio di discussione. Passa dalla scelta della marginalizzazione e della ghettizzazione come temi della discussione. Perchè è combattendo quelle emergenze che si sconfiggono le mafie. E si anestetizzano definitivamente le tentazioni di trenta teppisti e di chi li manovra.
C’è una grande occasione per cominciare a farlo (cliccate sul link a fianco): la manifestazione in ricordo di Gaetano Marchitelli, studente e pizza express, morto quindici anni fa perchè fuori dalla pizzeria dove lavorava i commandos dei Di Cosola e degli Strisciuglio si affrontarono armi in pungo, in mezzo ai cittadini di Carbonara. Gaetano con quelle storiche non c’entrava niente. Studiava e lavorava per non pesare a casa. L’ha ammazzato la Camorra di questa città perchè, per boss e soldati di quell’esercito, non conta chi resta morto a terra, se si tratta di decidere chi comanda.
Essere tutti presenti, in quel momento, è importante. E proprio quello della lotta alle mafie ed alla marginalizzazione di pezzi interi delle nostre comunità può sicuramente essere un momento importante da cui ripartire. Per ricucire la città e assieme trovare un modo di ricucire la buona politica a questa città

“Protocollo Movida”: lo spaccio come forma di racket

Porzioni intere della città di Bari, negli ultimi venticinque anni, hanno conosciuto una frizzante evoluzione grazie all’intraprendenza di una serie di imprenditori che, puntando sul mercato della ristorazione e dell’aggregazione, hanno riqualificato isolati, piazze, luoghi di ritrovo prima lasciati in abbandono. E’ con questa costante opera di apertura di pub, bar, pizzerie ed esercizi di ristorazione che, negli ultimi vent’anni, Bari vecchia e determinate porzioni del lungomare e del centro – quelle a ridosso del quartiere Madonnella, ai margini della city commerciale – hanno conosciuto un vero e proprio rinascimento in termini di presenze, aggregazione sociale, espressione economica e commerciale.

Come sempre, ovunque si sviluppino occasioni di mercato, la Camorra Barese si è presentata a porgere il conto. E cercare di sviluppare occasioni di arricchimento parassitando quello costruito dalle imprese.

hqdefault.jpgNei primi anni, le attenzioni pericolose delle famiglie di camorra baresi si sono espresse attraverso la forma del racket delle estorsioni, con richieste di denaro “in cambio di sicurezza”. Utilizzando un protocollo ben rodato: minacce, intimidazioni, incidenti causati ad arte a margine della movida per poi ripassare e suggerire – nei fatti imporre – agli esercenti il pagamento di una decima settimanale o mensile. Il tutto in cambio della possibilità di continuare ad operare tranquilli. E’ stato così, a Bari, per il primo lustro buono. E nei fatti, questa attenzione criminale, dopo poco si è tradotta nella crisi e nella chiusura di molti degli esercizi in questione, strangolati dalle richieste estorsive e dalle fisiologiche difficoltà di lanciare un settore fino ad allora sconosciuto in quelle zone della città. Nello stesso momento, però, l’evidenza che a Bari il racket contro gli esercizi ristorativi stesse prendendo piede, ha attirato anche l’attenzione delle forze dell’ordine che a più riprese sono intervenute per stroncare – o provare a contenere – il fenomeno. Anche perché, a margine del racket estensivo, quello che si verifica è l’aumento esponenziale dell’incidenza di altri reati: usura e riciclaggio in primis.

bari-carabinieri-650x250.jpgDopo un quinquennio buono di assestamento, le cose sono cambiate. Un nuovo rinascimento ha interessato le zone della movida barese – rimaste le stesse anche a distanza di un decennio. Nello stesso momento, però, quel che è apparso subito evidente è una diminuzione drastica di tutte quelle spie che aiutano a segnalare la presenza di un circuito estorsivo stabile ed aggressivo. La Camorra aveva abbandonato il campo? Tutt’altro. Perchè quel che si stava verificando era un cambio di strategia radicale delle organizzazioni criminali, rispetto ai mercati offerti dalla nuova movida. Non più in funzione parassitaria, no. Questa volta la Camorra recuperava un protagonismo fino ad allora sconosciuto e scendeva in campo con un network di nuova generazione: quello dello spaccio diluito all’interno della movida.

Nei fatti, quello che i clan avevano notato era che a margine del grande mercato del divertimento e della ristorazione, ad aumentare era anche il bacino di utenti potenziali per il traffico di stupefacenti. Chi arrivava a Bari Vecchia o sul Lungomare in cerca di divertimento, di una bevuta o di una pizza, era spesso anche un potenziale consumatore di sostanze stupefacenti – soprattutto quelle leggere o quelle sintetiche. Ed era quindi auspicabile, per i clan, che non intervenissero cause esterne ad allontanare quel mondo di potenziali consumatori che si affacciava. Anzi, era preferibile che il mondo della movida proliferasse, nella speranza che questo aumento di utenti si traducesse anche in una crescita esponenziale della domanda. Allo stesso tempo, ai clan era stato subito evidente che strozzare l’economia della ristorazione avrebbe portato una robusta contrazione del mercato della droga, con un crollo dei ricavi conseguente. Per cui, i gruppi criminali hanno imposto per le strade una dottrina diversa: una rete di spacciatori inseriti all’interno dei circuiti della movida come frequentatori abituali di determinati luoghi e determinate piazze. Questi soggetti, autorizzati ad allestire un proprio mini-network di spaccio, hanno negli anni colonizzato i luoghi del divertimento garantendo un rifornimento continuo del mercato ed una soddisfazione generale della domanda. Il tutto, in una situazione di relativa “pace sociale” e tranquillità apparente garantita anche e soprattutto dalla loro presenza. L’ordine impartito dai clan, infatti, è da subito stato quello che non ci fossero problemi di ordine pubblico ad attirare le attenzioni delle forze dell’ordine sulle zone della movida. Al tempo stesso, l’abbandono delle attività estorsive ha enormemente ridotto l’emergenza di reati spia, tranquillizzando, in un primo tempo, magistratura ed apparati repressivi.

spaccio-hashish.jpg.aspx.jpegNei fatti, però, la Camorra barese occupa stabilmente i luoghi di aggregazione e divertimento. Li condiziona e li controlla. Il tutto, sia chiaro, senza che ristoratori o esercenti possano essere considerati parte della filiera o soggetti coinvolti. Quando vi sono contatti, infatti, essi sono sempre di natura ricattatoria o persecutoria. Gli esercenti, i negozianti, i ristoratori, di fronte a questo nuovo protocollo, sono VITTIME. Il tutto, per almeno un decennio buono, nel silenzio e nella sottovalutazione generale del fenomeno. Il tutto, troppo spesso, mentre ci si ripeteva che, infondo, si trattava solo del commercio di sostanze leggere – un commercio sempre sottovalutato nella sua pericolosità. Intanto, però, in un decennio, la malavita barese ha ingrassato le proprie casse e costruito le proprie fortune anche su questo mercato. Ed ha sviluppato un controllo del territorio e delle dinamiche così forte da essere anche intervenuta, almeno in un caso, nel recente passato, anche con il tentativo del salto di qualità. In un caso, infatti, la magistratura ha anche provato pesanti infiltrazioni di un clan nella gestione di un grande e conosciuto ristorante della Città Vecchia. E sono in molti a sostenere, di fronte alle recenti assegnazioni demaniali per la gestione di spazi ristorativi a margine della muraglia, sul lungomare che dal porto arriva al Margherita, che la infiltrazione criminale sia stata così forte da condizionare gli esiti di alcuni bandi. Su questo, però, allo stato attuale, non c’è alcuna certezza – né risultano indagini o particolari osservazioni a riguardo.

Quel che invece è certo è che sia necessario intervenire con un controllo costante ed una attenzione maggiore sui luoghi della socialità barese. Soprattutto perché la “prateria libera” che finora i clan hanno sperimentato sul campo è una occasione ghiottissima, per le famiglie di camorra, per mettere radici in un sistema economico che, un domani, può offrire molte e più allettanti opportunità.

bari-carabinieri-650x250.jpg

spaccio-hashish.jpg.aspx.jpeg

Saldature inquietanti ed oro verde

Proseguiamo un breve focus sull questione “droghe leggere”. Con particolare attenzione alla marijuana. Sembra doveroso, perché nelle ultime due settimane, complice la coda agostana fatta ancora di movida estiva, ma anche e soprattutto di ripresa del regolare scorrere delle giornate, quel che accade in alcuni luoghi precisi della città finisce per forza di cose sotto la lente d’ingrandimento di cittadini e forze dell’ordine. E crea i presupposti per osservazioni, indagini, interventi.

Nelle ultime due settimane di agosto e nella prima di settembre sono state parecchie le micro-operazioni di polizia contro luoghi di spaccio di sostanze stupefacenti leggere. Gli interventi si sono concentrati soprattutto nelle zone della movida serale ed in alcune zone della città divenute, purtroppo, terra di nessuno. In quest’ultimo caso parliamo della centralissima Piazza Umberto e della vicina Piazza Battisti. Lì, a dieci passi dalla Stazione e da Via Sparano, oltre che dalle principali facoltà universitarie, ormai da un buon quinquennio, il controllo dello Stato appare sempre più debole. Ed i dialetti alberati e le panchine si sono nei fatti trasformati in una zona “franca” che comunica degrado, insicurezza, paura. In entrambe le zone, a più riprese, le forze dell’ordine hanno colpito in modo chirurgico smantellando piccoli network di spaccio di sostanze stupefacenti. Sostanze da fumo e cocaina sequestrate. Immigrati irregolari e cittadini baresi gli arrestati o denunciati a piede libero. Dato rilevante, l’ultimo, i soggetti baresi denunciati o arrestati sono facce note alle forze dell’ordine, ma esclusivamente per reati di bassissima manovalanza.

Il dato è utile per confermarci innanzitutto che sempre più il network di spaccio delle sostanze da fumo è uno strumento di inserimento tra le fila delle organizzazioni criminali. E’ la porta d’accesso al mondo del crimine. Ancora, come già detto pochi giorni fa, si rivela lo strumento con cui il clan applica la propria leva economica, creando ed irrobustendo la cassa corrente e nello stesso tempo permettendo introiti di sopravvivenza agli spacciatori di strada.

NRM01C’è dell’altro, però. Molto più importante. La presenza, tra gli spacciatori, di immigrati irregolari, infatti, contribuisce a collocare nello scenario un altro tassello utilissimo nella analisi delle dinamiche criminali a Bari. Fino ad oggi i network criminali di contrabbando e di spaccio, quelli per capirci che garantiscono ai clan cassa corrente continua e controllo del territorio, erano network inclusivi, utili per allargare la base dei sodali di basso livello, ma mai così tanto “a maglie larghe” da includere extracomunitari o soggetti ritenuti scarsamente affidabili sul piano della sicurezza interna del clan. Da alcuni anni, invece, soprattutto in alcuni luoghi della città, i network dello spaccio minuto sono aperti – quando non completamente appaltati – a manovalanza extracomunitaria. Perché questo avviene? Semplice: si pesa ancora una volta nel degrado, nella fame, nell’esclusione. Ma non basta. Quel che accade, in più, è anche che si interviene ancora una volta in luoghi in cui il radicamento della propria struttura è complicato, faticoso, troppo esposto allo sguardo delle forze dell’ordine. Quindi, per poter acquisire un controllo del territorio su zone lontane dalle proprie roccaforti, e per farlo senza destare sospetti, i clan nei fatti “subappaltano” la gestione minuta dello spaccio, in alcune piazze, a gruppi di extracomunitari già presenti in zona. E’ così che sono nate le batterie di spacciatori neri dei giardini attorno all’Ateneo. Questa operazione di fidelizzazione, quand’anche esterna, di gruppi eterogenei di immigrati alla causa del clan, inoltre, costruisce i presupposti di una pace sociale in altre zone della città dove la coabitazione con la disperazione e la marginalizzazione di quegli stessi immigrati potrebbe portare conseguenze nefaste. Permettere di spacciare a Piazza Umberto a gruppi di immigrati residenti al Libertà – sotto traccia, in zona grigia quando non completamente abusivi ed irregolari – garantisce innanzitutto il riconoscimento tra gruppi di un rapporto gerarchico. Inoltre assicura il fatto che quei gruppi di immigrati che scelgono di delinquere per ragioni di sussistenza, lo faranno lontano dal territorio del clan, con rischi minimi di moltiplicare le attenzioni delle forze dell’ordine sulle proprie roccaforti. Ancora, ed in ultima analisi, l’inserimento morbido nella propria galassia criminale di gruppi di delinquenti ben riconoscibili e ben aggregati tra loro per ceppo etnico, tradizioni, culture e sub-culture, frena tra questi gruppi la tentazione di costruire organizzazioni criminali in proprio, strutturarsi come gang o come gruppo informale e radicarsi come tale sul territorio. Rischio per ora fortunatamente scongiurato in tutti i quartieri di Bari, dove la malavita degli immigrati si manifesta ancora coi canoni della mera sopravvivenza.

WhatsApp-Image-2017-01-24-at-07.42.32-696x392Non possiamo però ignorare che, proprio a partire da rapporti di riconoscimento mutuo di questo tipo, un domani le cose possano degenerare. Ed il fatto che gran parte di queste saldature si concretizza ai margini della quasbah del Libertà è un dato ancora più preoccupante. Perché le ultime indagini dimostrano che la malavita autoctona di quel quartiere, nell’ultimo biennio, benché vincente rispetto alla concorrenza, sta attraversando una delicata fase di crisi interna. Una fase fatta di riorganizzazione degli equilibri e delle linee di comando. Ed in fasi delicate e di riorganizzazione interna – come queste – con le grandi figure di riferimento e gli avversari storici in cella o in condizione di non nuocere, è facile per alcuni avvertire la tentazione di uno strappo nei confronti delle vecchie regole e delle vecchie gerarchie. Non è escluso, ovviamente, che tentazioni del genere possano far prudere il naso anche alle batterie degli immigrati conquistate alla causa. Anche perché, dalla loro, queste ultime hanno una compartimentazione ed un tratto indetitario che le rende molto più forti e coese. E soprattutto perché, sempre di più, il grande traffico di stupefacenti leggeri si muove su direttrici diverse da quelle italiane di riferimento. E quindi risulta molto più semplice, per gruppi diversi, entrare in contatto con le organizzazioni che si occupano di ingrosso e che fanno i prezzi. E un dato di questa portata, è intuitivo, ci aiuta a capire con quanta facilità si possa accedere a tutti gli strumenti per la creazione di un network di spaccio in proprio.