Archivi tag: Quarte mafie

Foggia: fare presto!

Quello che in questi ultimi giorni sta avvenendo a Foggia è la dimostrazione che esiste un sistema criminale composito. Fatto da tante realtà differenti, con forme e regole diverse. Società Foggiana e Mafia del Gargano non sono la stessa cosa. Sono sistemi criminali differenti che operano sullo stesso territorio. In concorso o in conflitto a seconda dei momenti. Le bombe di questi giorni lo dimostrano con chiarezza. Da una parte si intima da pagare, dall’altra si minaccia perché un testimone non parli. Sono gruppi differenti, sistemi differenti, quelli che colpiscono. E rendono Foggia un luogo in cui anche l’esercizio della democrazia è a rischio.

E negli stessi giorni, altre mani, probabilmente non mafiose, uccidono. Perché il clima incoraggia a farlo, in una realtà che sempre più appare fuori controllo.

Adesso, ora, è necessario un colpo deciso di reni da parte degli apparati di sicurezza. Un colpo forte ai clan. Subito. Prima che disinnescare la polveriera sia troppo complicato.

Allo stesso tempo, ora, subito, è necessario investire in ricerca e analisi. Perché la scarsa conoscenza e la poca preparazione in materia di mafie pugliesi è la condizione migliore in cui questi sistemi criminali possono attecchire… e piantare radici sempre più profonde. Non si può aggredire un sistema di mafie cosi moderno e al passo coi tempi con un bisturi di quarant’anni fa. Non si può fare di tutti questi sistemi una vecchia mafia d’operetta… una sola corona che forse non è mai esistita. Dalle Commissioni Parlamentari a quelle regionali – immobili in Puglia – fino a quelle comunali – che non si sa di cosa si occupino – si cominci a studiare. A chiedere a chi sa di formare. Perché sentire Presidenti di commissione parlare ancora di SCU nel 2020 per parlare delle mafie pugliesi è agghiacciante. Agghiacciante, come una città che si sveglia ogni notte col boato di una bomba.