Archivi tag: Paura sublimata

La paura si nebulizza.

Ancora quartiere Libertà: lo abbiamo spiegato ieri il perché.

Abbiamo provato a chiederci se la categoria di “liquidità” come stato della paura possa ancora essere considerata calzante ed attuale per la nostra città. E abbiamo dovuto convenire che di sicuro è stata adeguata, come definizione, almeno fino a qualche anno fa. Dobbiamo rivedere questa certezza. Alla luce di alcuni fatti importanti che vanno segnalati. Perché alcuni anni sono bastati, davvero. E le cose sono drasticamente cambiate.

Guardiamo alla criminalità organizzata, innanzitutto. Del resto è la vera emergenza del quartiere. Almeno, una delle tre che abbiamo scelto come vetrino di confronto.
La criminalità è molto cambiata. Negli ultimi cinque anni più che mai. Libertà resta la centrale operativa della Federazione. Eppure, la scopriamo luogo conteso, tra Strisciuglio (in qualsiasi delle loro denominazioni presenti nel quartiere) e gruppo storico dei Mercante. Homini novi contro vecchi senatori della Camorra barese, vecchi padri fondatori. Ed infatti, negli ultimi sei anni, il Libertà ha convissuto con uno stato di guerra permanente – e neppure troppo a bassa intensità – per il predominio criminale sul territorio. Nulla di nuovo, rispetto a quello che dicevamo ieri? Non proprio. Perché le guerre hanno sempre un vincente ed un perdente. E perché la storia, quella da tramandare in alcuni contesti, solitamente è quella che scrive chi ha vinto. E se un vincente può essere identificato, negli ultimi cinque anni, al Libertà, beh questo è il blocco che fa capo alla Federazione Strisciuglio. Perché è quello che si è imposto militarmente sull’altro. E perché, per alterne vicende processuali, attualmente è quello che ne è uscito meno malconcio, dalla guerra in Aula con la Giustizia. E se è vero che sono i vincenti a scrivere una Storia, proponendo ed imponendo i propri modelli, allora è anche vero che le generazioni nuove di malavita, i millenials della Camorra, al Libertà hanno già pronto un imprinting che disconosce da subito i modelli storici della criminalità barese, quelli granitici e solidi. E ne sposa di nuovi, più liquidi. Al contempo, però, innovandoli. Non dimentichiamocelo: i millenials della camorra, oggi, hanno già passato un apprendistato almeno, al Libertà. Ed assistito già a due guerre. Hanno modelli che spesso non hanno neppure il doppio dei loro anni. Con questi modelli sviluppano una continuità di pensiero, relazioni, emotività, strumenti, molto più forte di quella che svilupperebbero con un “vecchio” di camorra. Cosa ancora più grave e preoccupante, dettaglio che ci fa capire come anche la liquidità sia inadeguata, applicano le lezioni e le perfezionano, le aggiornano.

I-funerali-di-MesutiE’ di qualche giorno fa la notizia della diffusione di un nuovo, pericolosissimo passatempo tra i giovanissimi di Camorra: la sfida a colpi di sgasate, a cavallo di moto rombanti, per le strade del quartiere. A margine, un giro di scommesse clandestine. Attorno un sistema rodato per garantire che queste attività si svolgano senza che nessuno disturbi. Cos’è questa, che ormai è tradizione ed abitudine consolidata, se non una forma ancora più gassosa di controllo del territorio? Pochi anni fa, un fatto aveva sconvolto la comunità: un cittadino albanese, Florian Mesuti, in visita a Bari a degli amici, solo perché intervenuto in difesa di un ragazzino che conosceva, aggredito durante una rissa di strada, era stato letteralmente giustiziato. Per la strada, tra la gente. Colpevole, col suo intervento, di aver messo in discussione l’autorità criminale di un gruppo di ragazzini – secondo la Procura capeggiati da uno dei figli del boss Caldarola. Ed infatti, a processo per quell’omicidio, il fratello maggiore di quel ragazzino sarà riconosciuto colpevole di omicidio e si prenderà 14 anni; il primogenito di Lorenzo Caldarola. Quell’omicidio, l’esecuzione di un uomo estraneo alle logiche ed alle strutture della malavita, giustiziato solo perché aveva messo in discussione una autorità differentemente costituita, era già da solo la testimonianza di quanto ormai la malavita non fosse più un blocco granitico, fermo in un punto, lontano dal quale si può vivere tranquilli. No, la malavita, al Libertà, con quell’omicidio barbaro, testimoniava come potesse raggiungere altri luoghi, altri contesti, normalmente estranei ad un mondo. Normalmente al sicuro. Passare sotto le porte, incunearsi, proprio come fanno i liquidi. Le corse in moto come strumento criminale di appropriazione di un luogo sono un passo ulteriore. Perché eliminano anche le ragioni di un contatto. Florian Mesuti era morto perché la “camorra” ormai invadeva gli spazi di un vivere civile, inquinava i rapporti tra pari, modificava le linee gerarchiche… e però, Florian Mesuti, con quello schiaffo dato ad un ragazzino di camorra in difesa di un ragazzino estraneo a quel mondo, aveva scelto di entrare in contatto con un mondo. Aveva messo il piede nella pozza della Camorra. Inconsapevolmente aveva scelto di confrontarsi con un mondo che aveva delle regole. I motorini che rombano, le ronde che chiudono le strade, i centauri che se ne fregano se qualcuno attraversa… quelli già da soli valgono a dire che la scelta è solo tra “vivere” un luogo dove la Camorra, quel che deve far Paura, è nell’aria. Oppure non viverlo, perché si smette di respirare. Ecco perché, forse, a guardare il Libertà, viene da chiedersi se la paura, lì, abbia più un senso immaginarsela liquida.

1f52b6e0-70ef-11e5-ab4e-f326bdb84cacE di esempi potremmo farne tanti. I giovanissimi spacciatori che intercettano i giovanissimi coetanei “perbene” ed attraverso la cessione dello stupefacente, progressivamente, offrono ai compratori una affiliazione liquida che permetta loro – ai ragazzini dei clan – di raggiungere luoghi fino ad allora preclusi, come i licei o le secondarie superiori? Guardate bene e considerate che stiamo parlando di percezione, non di forma. Come percepireste la cosa se foste il genitore di quel ragazzino usato come cavallo di troia? La scelta di un contatto può farci apparire la situazione ancora accettabile, ancora liquida. Ma chiedetevi, davvero, se l’attuale depenalizzazione, nel sentire comune, dell’uso di “erba e fumo” tra i giovani, possa farci avvertire quel contatto come la scelta di un “nuovo gioco” cui giocare. A quei ragazzini i millenials della Camorra del Libertà non propongono una rapina, attenzione. Propongono una “fumata”. E se tutti, diffusamente, smettiamo di ritenere il rapporto tra spacciatore ed acquirente SEMPRE un comportamento criminale, allora in quel contatto non siamo più capaci di percepire il “piede nella pozza”. E quel contatto diventa gassoso. E proprio per questo, spaventa di più.

Fermiamoci qui. Ancora, ai soliti tre indizi che fanno una prova. Credo, però, ci siano delle valide ragioni, abbastanza evidenti, per affermare che ormai la paura, in alcuni luoghi e contesti, ha fatto un preoccupante salto di stato.

Annunci

La paura sta evaporando…

Questa è solo una premessa ad un discorso più ampio. Spezzetto molto le discussioni per una ragione semplice: il tempo medio di lettura di un testo da un device è molto breve. Si è parecchio accorciata la nostra soglia di attenzione. Si è illividita la nostra capacità di concentrazione rispetto a testi che forniscano informazioni e che elaborino pensieri, concetti, teorie. Un trattato – anche brevissimo – che parta da alcune basi tutte da enunciare e si sviluppi con tesi e antitesi per raggiungere una sintesi, qui, impiegherebbe 3 o 4mila parole. Tempo di lettura? 30 minuti. Siamo seri… non ci si arriverebbe infondo. Allora preferisco spezzettare i passaggi, sperando restino più facilmente impressi.

Voglio parlarvi di un mutamento che avverto, soprattutto nei luoghi che studio e per studio frequento ed osservo. Voglio parlarvene anche ispirato dalla trasmissione Presa Diretta del 16 settembre – che sicuramente potete trovare online disponibile sugli archivi di raiplay. Perché Iacona con quella trasmissione ha messo molta carne al fuoco sul piatto della sicurezza/insicurezza urbana. E sul piatto della paura. E forse non lo sa neppure, ma in molti passaggi ha spazzato via con un sol colpo di spugna quello che un sociologo come Bauman ha teorizzato in un decennio: la liquefazione della paura. Le periferie di Iacona, ieri, narravano di una paura che si è fatta ancora qualcosa di diverso, tanto dai solidi del “Muro” del “Noi e Voi”, del “Nemico conosciuto” quanto dai liquidi del “loro” del “tutt’attorno” del “sono assediato” del “sono solo”.

Andiamo con ordine e definiamo il concetti di liquidità e quello che temo di poter provocatoriamente proporre come upgrade. Anni fa, un maestro e decano della sociologia – Bauman, qualcuno lo avrà almeno sentito nominare – cominciò sul serio a fare fortuna pubblicando una montagna di libri che, nei fati, indagavano un mutamento evidente nella nostra società. Un mutamento che pervadeva – meglio, sommergeva – moltissimi degli aspetti del nostro vivere sociale. Definì questo mutamento discioglimento. E da lì sfornò una serie di volumi i cui titoli contenevano sempre l’aggettivo LIQUID*. Intendete, ovviamente, l’asterisco come segno che il genere dell’aggettivo, a seconda del nome che definiva, poteva cambiare da maschile a femminile. E così: Vita, Amore, Paura diventarono LIQUIDI.

paura-liquidaEra un concetto estremamente interessante ed assolutamente rivoluzionario. Baumann scandagliava tutti gli aspetti della nostra nuova vita, comparandoli con quelli che avevamo sperimentato fino solo a 50/60 anni fa. Anzi, per molte pagine, i paragoni si attestavano addirittura ad un ventennio prima della pubblicazione – per cui, microsecondi sul grande orologio del tempo umano qui in Terra. Guardava a come era cambiato il nostro rapporto con il mondo del lavoro ed a come questo cambiamento aveva investito a domino tutta una serie di altri aspetti della nostra esistenza – anche solo quello dell’organizzazione del tempo vita. Guardava all’avvento della socialità 2.0 (badate bene, Amore Liquido è il testo di riferimento ed è dei primi anni 2000… Facebook era ancora molto meno diffuso ed invasivo di oggi). Guardava alle chat, alla moltiplicazione dei luoghi di contatto virtuale tra persone anche lontanissime, che stringevano relazioni di vario tipo senza nemmeno essersi mai stretti la mano, a volte – estremizzo i punti focali, sia chiaro! Guardava anche alla PAURA ed a come questa era cambiata, divenendo non solo TIMORE DI UN NEMICO O DI UNA MINACCIA, ma molto spesso, addirittura, PAURA DEL VIVERE. Perché al fondo di tutti questi discioglienti, Baumann ci metteva un dato importante e molto spesso sottovalutato nella lettura degli ultimi decenni: l’avvento di una post-modernità invasiva ed aggressiva che aveva finito per corrodere in modo profondo tutte le certezze costruite negli ultimi due secoli di esperienza umana e sociale. I concetti solidi della stretta di mano, del lavoro come strutturazione di un percorso preciso che impegnava e caratterizzava l’esistenza… anche la presenza di un muro solido tra un NOI ED UN LORO lasciavano posto ad indistinti e nebulosi concetti – tutti però parecchio sedativi, al principio – come il poke, la chat, l’online/offline, la mobilità orizzontale e verticale (quando ancora il concetto di precarietà non era stato ben compreso) la minaccia impalpabile disciolta tra di noi. Ecco: amore, vita e paura diventavano di colpo concetti liquidi. E fermandoci alla PAURA – che è concetto essenziale quando si parla di sicurezza e criminologia – ecco, questa diventava di colpo indistinta. Non esistevano più i nemici dell’est e dell’ovest. La minaccia diveniva di colpo “globale”: terroristi capaci di colpire perché disciolti tra noi, spacciatori, gang, psicopatici della porta accanto, contestatori animati dal desiderio di sovvertire un ordine globale rassicurante – gli ordini, calati dall’alto, imposti, chissà perché sono sempre rassicuranti: deresponsabilizzano dall’obbligo di scegliere e costruire e dunque rasserenano. Le città mutavano forma, le periferie divenivano luoghi difficili, le auto si facevano mostri corazzati come i SUV, le armi ampliavano il proprio parterre includendo tra loro gadgetterie acquistabili online. Quel che assieme al mondo fuori mutava, oltre al crollo dei muri, era però anche e soprattutto il rapporto stesso tra INDIVIDUO e COMUNITA’… inteso anche e soprattutto come STATO. Quel che mutava era il rapporto tra un NOI sempre più declinato al singolare – nel concetto di cittadino – ed un NOI sempre più distante ed indefinibile quando si parlava di CITTADINANZA E SOCIETA’. Va da sé che, nel momento in cui le minacce si moltiplicano ed io non so bene a chi rivolgermi perché tutto si fa magmatico, indistinto, impersonale… la mia paura AUMENTA. E PERVADE… proprio come un liquido. Passa sotto le porte blindate, si infila negli interstizi del vivere. Muta forma per farsi ogni volta sempre più invasiva. Finisce per avvolgermi, sommergermi, annegarmi.

Zygmunt_Bauman_1Quando è liquida. Quando la PAURA ha comunque una sua forma più o meno INTUIBILE sebbene non chiaramente definibile. Un Liquido sta lì, lo vedo. Sono capace di motivarne la presenza, sono capace di descriverlo usando aggettivazioni chiare. E soprattutto, per quanto complesso, sono capace di sviluppare strategie adattive che mi permettano anche di arrivare a confrontarmi con quella paura. Maneggiarla e contenerla.
Bauman purtroppo se n’è andato da qualche tempo – pochissimo a dir la verità. Eppure, di sicuro, sarebbe pronto subito a riprendere in mano alcuni concetti e dover ammettere che questi vanno sottoposti ad un vigoroso, robusto aggiornamento.
Perché nella velocità incredibile con cui ci confrontiamo con una post-modernità che si supera di giorno in giorno, è molto probabile che anche i concetti di liquidità siano ormai non superati ma semplicemente passati ad uno stadio ancora più indefinito. E se sono le leggi della fisica a doverci condurre, perché queste sono quelle suggerite efficacemente dal maestro… allora forse è il caso di dire che siamo di fronte ad una società che da liquida sta passando allo stato gassoso. Una società che vede i concetti ed i capisaldi di VITA – RELAZIONI – PAURA mutare ancora e radicalmente forma, fino a nebulizzarsi nell’aria, diventare gas… essere per loro stessa natura dovunque senza sforzo. Non avere più forma ma riuscire ad arrivare davvero in ogni luogo. Ed essere sempre meno visibili, sempre più avvolgenti, sempre più subdoli. E non è tanto una questione di evaporazione… che per sua stessa natura lessicale ci suggerisce una prossima sparizione dell’oggetto in questione. Quasi fosse una provocazione vien da chiedersi se il breve momento di osservazione di Baumann non fosse solo un passaggio – peraltro rapidissimo – di un corpo da solido a gassoso.

E se il maestro si fosse semplicemente trovato ad osservare la materia che repentinamente si faceva gas. E l’abbia colta solo nel momento in cui questa era instabilmente liquida? Mi ripeto, convinto che sia l’occasione per aprire un focus di riflessione sul mondo che più da vicino ci circonda. Se, tutto attorno, la minaccia si fosse semplicemente fatta aria che respiriamo? E di conseguenza la paura fosse semplicemente passata ad uno stato gassoso, nebulizzato tutto attorno? Io non lo so. Non ho l’autorevolezza, la formazione, l’esperienza per mettermi a confutare le teorie di un maestro come Bauman… ma quel che vedo – avendo studiato e ristudiato il suo Paura liquida, che peraltro si fa leggere davvero con enorme piacere – è che sempre più i concetti da lui enunciati in quel testo non resistono alla prova dei fatti. Sono uno strumento importante, ma a volte restano terribilmente indietro. Come atterriti anche loro, da una paura che giorno dopo giorno si fa sempre più asfissiante. E sempre più immotivata – quantomeno molto mal indirizzata.