Archivi tag: Adriatico

Adriatic connection

L’operazione antimafia che ha sgominato il gruppo criminale riconducibile a Domenico Velluto, tra giovedì e venerdì, svela retroscena molto interessanti su questioni nodali per la malavita organizzata. Perchè disarticola un sodalizio molto particolare. Specializzato. Così profondamente specializzato da costringerci a porci una domanda: “Una associazione a delinquere che non assedia direttamente il territorio con le piazze di spaccio e l’imposizione delle decime del pizzo, ma si limita al ruolo di trafficante di stupefacenti, spesso limitandosi a porre in comunicazione logistica domanda ed offerta, quanto può ritenersi estranea – giuridicamente parlando – alla galassia camorristica della città?”

whatsapp_image_2018_10_04_at_112530jPerchè è questo che viene da pensare, nel ricostruire la parabola dei Velluto, a Bari.
Un clan ristretto, limitato a pochi fidatissimi sodali, installato in un territorio molto ben preciso e da sempre battezzato come impermeabile o quanto meno a scarsissima permeabilità mafiosa. Scarsi, quasi nulli, i momenti di frizione e scontro del gruppo, che vanta una saldatura apparentemente tradizionale coi vecchi sodalizi della Camorra Barese. Attività ben definite, circoscritte agli affari che maturano nel grande traffico di stupefacenti tra le sponde dell’Adriatico, con contatti accertati con una serie di altri gruppi esterni al panorama cittadino (SCU salentina su tutti) ma sempre e solo finalizzati alla interposizione in affari nel traffico di marijuana.
Gli uomini di Velluto sono trafficanti di droga. Questo li tiene distanti dall’accusa di associazione di stampo mafioso? Lo diranno i giudici.
Sociologicamente, a leggere il tutto in una chiave meramente accademica, obiettivamente dobbiamo dire no. Non possiamo tenerli fuori dall’universo camorristico. Dobbiamo considerarli a tutti gli effetti un clan. Per un semplice motivo: sono un ingranaggio perfettamente combinato all’interno della catena che dalle regioni attorno ad Argirocastro fa arrivare nelle piazze di Bari la marijuana che i clan vendono per controllare il territorio e ridistribuire all’interno dei propri gruppi stipendi e servizi.

A leggere le ordinanze e le ricostruzioni a margine, questo sarebbero, gli uomini del gruppo smantellato tra Poggiofranco e Carrassi. Anzi, a dirla tutta, sarebbero uno dei pochi gruppi baresi ancora in grado di trattare direttamente coi fornitori senza bisogno di alcuna intermediazione tra la propria domanda e l’offerta dei cartelli albanesi. Questo, è un dato di estrema importanza, di fronte a cartelli camorristici baresi sempre meno dotati dell’autorevolezza criminale per “fare i prezzi”.

3e1b1c_02_HomeIm_799x400.jpgEcco, quindi, che ci si palesa sotto gli occhi una precisa realtà che non possiamo ignorare. La galassia che chiamiamo Camorra Barese e che ancora qualcuno si ostina a liquidare in residuo provinciale della SCU, è in realtà un magma assolutamente peculiare ed indipendente. Così storicamente radicato e negli anni così perfettamente professionalizzato da avere, al suo interno, anche strutture che più che “fare direttamente malavita” concorrono, attraverso traffici criminali, al successo di altre strutture. Apparentemente senza sporcarsi le mani. Apparentemente, senza controllare criminalmente un territorio. Semplicemente perchè hanno scelto di inserirsi in quel mondo ed in quel mercato con un ruolo diverso. Ed insiste proprio su questo uno dei passaggi dell’ordinanza. Anche di fronte a guerre e controversie interne alla Camorra Barese, il gruppo dei Velluto – il condizionale però è d’obbligo – non avrebbe esitato a trattare a condizioni analoghe con gruppi in contrasto, scegliendo strategicamente di non favorire alcuno dei sodalizi. Feticismi di poco conto? Nient’affatto. Da aggiungere, dettaglio non di poco conto, che rispetto ai propri traffici storici il clan si è sempre dimostrato molto deciso a non perdere terreno. E non farsi passare mosche sotto il naso. E’ dello scorso anno la sentenza in abbreviato di primo grado che condanna Velluto a 20 anni di reclusione per un omicidio – quello di Rocco Sciannimanico – avvenuto per un debito di droga non pagato.

Questi, letti organicamente, in modo scientifico, tutti assieme, sono la dimostrazione che esiste una struttura ormai autonoma ed indipendente dalle vecchie mafie. Anzi, in grado di essere protagonista sui palcoscenici internazionali e di trattare da pari con i grandi gruppi del crimine transnazionale. Esiste una Camorra, a Bari, che non ha nulla da invidiare a nessuno. Anzi, che in modernità, può davvero dare più di una lezione in giro per l’Italia. E sarebbe davvero bene che chi ha il dovere di interrogarsi su come difenderci, chi ha il dovere di formarsi su come contrastare al meglio le minacce al nostro corpo sociale, se ne faccia quanto prima una ragione. E cominci a studiare davvero.

Annunci