L’Ancora a Bari: un incendio che puzza di malaffare

Era rimasto chiuso da un bel po’ il ristorante sul mare “L’ancora”. Il vecchio proprietario non riusciva più da tempo a pagare il canone di locazione al Comune di Bari… e così aveva finito per chiudere. E quel ristorante, quel luogo, erano finiti al centro di una riflessione comunale generale culminata con un bando nel quale si valutavano offerte per la riassegnazione della struttura – e la sua riapertura. Il tutto tra mille difficoltà, visto che più di una volta la struttura era stata vandalizzata. E per i soggetti interessati, ogni volta era diventata meno conveniente, meno appetibile.

Sembrava fatta… invece nella notte tra sabato 8 e domenica 9, ignoti hanno appiccato  il fuoco in quella struttura, devastandola ormai irrimediabilmente. Proprio adesso che il bando andava a scadenza e che c’era una offerta. Evidentemente – l’ha detto bene il sindaco Decaro – c’è qualcuno che non ha proprio digerito che, anche in questo campo, le regole siano ferme e ferree. E che le assegnazioni seguano procedure regolari, chiare e trasparenti, di garanzia per tutti.

E che la cosa, da lontano, puzzi di malaffare e forse anche di Camorra lo dice un dato piuttosto interessante. Il lungomare di Palese, assieme a quello di San Girolamo, sono da sempre la scenografia ed il palcoscenico di summit, incontri e meeting delle cosche baresi. Più di una volta, a Palese come a San Girolamo, la polizia aveva potuto interrompere vertici criminali a tavola. Indice della facile penetratività di determinati settori, storicamente sotto minaccia del racket e quindi deboli, quando si tratta di fare resistenza alle richieste, alle pressioni. E c’è un altro dato che inquieta. Da tempo, nelle relazioni di investigazione, è segnalata la probabilità che determinate famiglie di Camorra, con alle spalle passati gloriosi ed ancora parecchia polvere da sparare, possano pensare ad un investimento concreto, attraverso prestanome, nei settori della movida e della ristorazione. Che non sia stata l’invidia ed il livore di un prestanome scartato ad appiccare le fiamme?!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...