Bari – Carbonara: un tranquillo far west di paura.

Ad una settimana dalla commemorazione per i quindici anni dalla morte di Gaetano Marchitelli, studente la mattina e pizza-express la sera per aiutare in casa, ammazzato perchè capitato sulla linea di tiro di due bande di camorristi che si contendevano la piazza di Carbonara a suon di piombo, in mezzo alla gente.
A meno di una settimana dall’agguato che ha lasciato gravemente ferito un piccolo delinquente di quartiere, a Madonnella, molto probabilmente per vicende legate al controllo dello spaccio di erba e fumo nel quadrilatero di case popolari dietro Piazza Diaz, sul Lungomare.
Nella città dove Salvini ignora che esista la mafia, tanto da dimenticarsene nel suo comizio nel quartiere Libertà, dove, a sentire il Ministro, le emergenze sarebbero solo legate a qualche spacciatore ed agli immigrati irregolari – che nessuno, tra vigili e poliziotti, ha trovato in mezzo ai tantissimi migranti in regola col permesso di soggiorno che vivono quel pezzo di città difficile.
Nelle ore in cui una città torna a spaccarsi sulla ovvia presenza di una sede di una sede di Casapound in una periferia ad alta densità migrante – unico luogo a Bari dove chi soffia sulle paure e sulla xenofobia, chi parla agli intestini più che alla testa, possa avere speranza di radicarsi e fare reclutamento. Del resto, che possiamo aspettarci visto il continuo sdoganamento di quelle parole d’ordine da parte di un Ministro della Repubblica, per giunta titolare del Viminale?!

1537791399265.jpg--In questa città, con queste coordinate spaziali e temporali, ci troviamo costretti a stravolgere la normale programmazione del blog per dare conto dell’ennesimo, gravissimo fatto di sangue. Lunedì pomeriggio, tra Carbonara e gli stradoni che costeggiano lo Stadio San Nicola, un’auto ha inseguito una moto sparando all’impazzata. Fino a che non si è avuta la certezza che i centauri non avessero avuto la peggio. Chi fuggiva su due ruote, dalla frazione di Carbonara, inseguito dal piombo, non era “uno qualsiasi”.  A bordo della moto c’erano i due figli dello storico boss di Madonnella: Vincenzo Rafaschieri, ucciso nel 1994 su ordine di Domenico Monti a due passi da casa, in mezzo alla gente. Dei due, il più giovane, Walter, è morto. Alessandro, il maggiore, è rimasto gravemente ferito. Coinvolta anche un’altra auto, schiantata nella carambola tra chi fuggiva e chi sparava. E coinvolto anche un’altro innocente passante a cui i killer hanno sequestrato l’auto, pistole in pungo, per fuggire via. Quando la seconda auto è stata ritrovata, a bordo due giubbotti antiproiettile: un delitto pronto e preparato da tempo, evidentemente. Oppure il segnale chiaro che esistono, a disposizione dei boss e di chi comanda, a Bari, squadre “pronte all’uso” come si suol dire tra Camorristi. Bocche di fuoco sempre pronte ad intervenire al cenno. Squadre che oggi si sono attivate subito dopo che i due fratelli Rafaschieri sono entrati in un territorio come quello di Carbonara – un tempo feudo degli amici Di Cosola, ora drammaticamente senza padrone, diviso tra i giovani feroci degli Strisciuglio e quel che resta di un vecchio clan ormai senza più vertici.

1537790173766.jpg--carabinieriC’è tutta un’indagine da costruire, questo è certo. C’è tutta una storia da decifrare dietro l’ennesima follia scatenata dai camorristi che controllano indisturbati pezzi interi di questa città. Quel che è certo è che questo duplice omicidio, a pochi giorni dall’agguato a Madonnella, tira al centro della discussione un quartiere spesso dimenticato. Un quartiere che ha sempre fatto da cerniera tra poli differenti, tutti molto importanti – Japigia e Bari Vecchia, per capirci. E però, nello stesso tempo, un quartiere che non ha mai espresso una malavita agguerrita e capace di rivaleggiare con gli altri clan. E che da un po’ di tempo, ha calamitato su di sé appetiti particolari e diversi.
Avevamo scelto di parlare approfonditamente di questa particolare situazione di Madonnella nei prossimi giorni. Abbiamo dovuto stravolgere la programmazione e potrete leggere il contributo focus sul quartiere già dopodomani.

Nel frattempo, è davvero il caso di riflettere su cosa sta succedendo. E’ il caso di capire se questa città può permettersi ancora di perdere tempo, rispetto ad una emergenza che è endemica e che non risparmia nessun quartiere. E però è anche il caso di fare presto, prima di finire a piangere l’ennesimo innocente finito per caso sulla linea di fuoco di chi crede di poter disporre di chiunque e di qualunque luogo, come fosse “cosa sua”…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...